Creato un occhio artificiale in 3D con cellule umane

Creato occhio artificiale in 3D con cellule umane

Un occhio su chip, creato in 3D con cellule umane - Scienza & Tecnica

Questo vorrebbe dire che potrebbe essere utilizzato al posto degli animali per testare i farmaci, sui disturbi dell'occhio, come la secchezza. Un processo che ha richiesto la coltura di cellule derivate dalla cornea e dalla congiuntiva in un'interfaccia aria-liquido che ha permesso di ricreare la superficie oculare. Per affrontare questo problema, il team di Dongeun Huh ha sviluppato un modello 3D della superficie oculare che imita geometria e composizione cellulare degli strati più esterni dell'OCCHIO umano. Questa è stata poi inserita all'interno di una piattaforma in cui è stata esposta a fluidi lacrimali e allo scorrimento di una palpebra artificiale fatta di idrogel che imita il battito spontaneo delle palpebre.

D'altro canto, nonostante i progressi nella nostra comprensione di queste barriere tissutali, emulare le loro molteplici capacità rimane una grande sfida per i ricercatori.

Dunque, essendo composto da cellule, quest'occhio - comunque 'artificiale' - sarà perfetto per testare le nuove soluzioni farmacologiche.

Cristel Carrisi ha partorito: è nata Cassia
Al Bano e Romina saranno sicuramente al settimo cielo per questa notizia: adorano già Kay , il primogenito di Cristel . La stessa Cristel aveva rivelato che il fiocco stavolta sarebbe stato rosa e che il parto era previsto per agosto.


Un occhio artificiale da fantascienza è stato creato in miniatura su un chip grazie a un modello 3D fatto con cellule umane che riproducono gli strati più superficiali, ovvero la cornea e la congiuntiva. A questo punto il team si è trovato ad aver che fare biologicamente con un occhio afflitto dalla cosiddetta 'malattia dell'occhio secco', così da poter poi intervenire, studiando direttamente gli effetti terapeutici indotti dal'uso di un farmaco sperimentale. L'obiettivo è quello di affinare il sistema per poterlo usare come alternativa alla sperimentazione animale, anche se serviranno ulteriori indagini per validarne il corretto funzionamento, come sottolineano gli stessi ricercatori. Nei prossimi test, hanno spiegato dall'Università della Pennsylvania, bisognerà arricchire il circuito con nuovi elementi, come i vasi sanguigni, le terminazioni nervose e le cellule del sistema immunitario.

Giornalista dal 2012, un passato a Giornalettismo, insieme alla passione per le news online ha coltivato quella per la Seo.

Latest News