Il Cio: "Cambi riforma sport: l'Italia rischia sospensione"

Lettera del CIO al CONI: necessario cambiare la riforma dello sport. Milano-Cortina 2026 a rischio?

Il Cio: «Cambi riforma sport: l'Italia rischia sospensione»

Sulla missiva inviata dal Cio, il capogruppo della Lega al Senato Massimiliano Romeo aveva fatto sapere, rispondendo ai giornalisti, che sul ddl sull'ordinamento sportivo si sarebbe andati avanti "a prescindere da lettere e letterine varie". Tra i principi fondamentali (paragrafo 5) si scrive che "le organizzazioni sportive aderenti al movimento olimpico devono essere politicamente neutrali".

Il Cio ha scritto una lettera al Coni in cui esprime forte preoccupazione in merito al contenuto della legge di riforma dell'ordinamento sportivo in discussione in Parlamento.

I punti di attenzione evidenziati dalla lettera del Comitato Olimpico Internazionale vanno oltre: l'area di responsabilità di un NOC non può essere limitata alla attività olimpica, le Federazioni sportive nazionali non possono essere completamente autonome rispetto al CONI al quale devono essere vincolate per il rispetto degli Statuti e della Carta Olmpica e, infine, un tema di governance interna come il numero di mandati degli organi del CONI non può essere deciso per legge ma deve essere deciso dalla stessa assemblea del Comitato Olimpico Nazionale. Se il Governo non allineasse il disegno di legge alle richieste di Losanna, esporrebbe il CONI alle sanzioni previste qualora un comitato olimpico nazionale venga ostacolato nella sua attività dal governo di un paese che possono arrivare fino alla sospensione o al ritiro del riconoscimento del comitato olimpico stesso.

Secondo il Cio il Comitato olimpico nazionale non dovrebbe essere riorganizzato con delle decisioni unilaterali da parte del governo. "La sua governance interna e le sue attività devono essere stabilite e decise nell'ambito del proprio statuto, e la legge non dovrebbe avere per obiettivo un micromanaging della sua organizzazione interna e delle sue attività".

Semplici lancia la bomba: "Fares all’Inter o all’Atalanta"
E l'altro nostro esterno Fares potrebbe andare all'Inter o all'Atalanta . Prima di arrivare a Empoli era confinato in un calcio di basso profilo.


Durante l'esame del ddl Romeo ha anche aggiunto: "Ci sorprende" la lettera "scritta in modo frettoloso da funzionari che non hanno letto il testo della delega". Nelle prossime settimane si cercherà di chiarire meglio la vicenda con il CONI che potrebbe rispondere al CIO tranquillizzando sull'autonomia del comitato. "Dov'è il rischio di mettere in pericolo l'autonomia del Coni e delle federazioni sportive, sinceramente non lo comprendiamo".

Gli esponenti del mondo olimpico hanno ricordato che prima della cerimonia in cui è stata annunciata la vittoria di Milano-Cortina, il presidente Thomas Bach aveva incontrato il premier italiano in occasione della firma del livre d'or e in quella circostanza lo stesso n. 1 del Cio aveva chiesto di intervenire sulla legge perché così non andava bene.

La legge dello sport ora è realtà. E così, se la legge venisse approvata senza apportare modifiche l'Italia sarebbe fuori dalle Olimpiadi 2020 ma conseguenze ci sarebbero anche per l'organizzazione dei Giochi Invernali del 2026. Il collegato è una legge che serve a completare un percorso di riforma complessivo cominciato in legge di bilancio nel 2018 ed enuncia principi che saranno definiti quando verranno scritti i decreti attuativi.

Latest News