Pernigotti è salva, Di Maio: "Niente esuberi"

Giordano Emendatori rileva “Pernigotti maestri gelatieri”

Pernigotti: Mise, raggiunto accordo storico, produzione a Novi e nessun esubero - Terra & Gusto

Sullo stabilimento Pernigotti di Novi Ligure "è stato raggiunto un accordo storico: produzione continua a Novi Ligure e nessun esubero". In tale sede, sono stati annunciati gli esiti del processo, culminato con l'accordo raggiunto con Emendatori, azienda che fa capo all'imprenditore Giordano Emendatori, per la cessione da parte di Pernigotti della divisione 'Ice & Pastry', che comprende la produzione e commercializzazione di basi ed ingredienti per gelati e prodotti di pasticceria; l'accordo raggiunto con il Gruppo Spes che riguarda, invece, la produzione di cioccolato, praline e torroni nello stabilimento novese, tramite l'impiego del personale, dei macchinari e dello storico know-how di Pernigotti. Lo comunica il Mise in una nota diffusa al termine del tavolo odierno presieduto dal ministro Luigi Di Maio, a cui hanno partecipato i rappresentanti delle aziende coinvolte, l'advisor Sernet, i sindacati e gli enti locali.

La cooperativa torinese Spes rileverà il ramo d'azienda di Pernigotti che produce il cioccolato e il torrone. "Frutto del lavoro portato avanti in questi mesi in modo sinergico dall'advisor e dal Ministero, che ha permesso l'individuazione di due nuovi investitori".

Meghan compie gli anni, i romantici auguri del principe Harry
Lo scorso 4 agosto Meghan Markle , moglie del Principe Harry , ha festeggiato il suo trentottesimo compleanno . Auguri pubblici di Harry per il 38esimo compleanno di Meghan Markle .


"L'accordo - si legge ancora nella nota - è stato raggiunto a meno di un anno di distanza dall'annuncio da parte della proprietà turca Toksoz di voler fermare le attività del sito piemontese, mettendo a rischio il futuro dei lavoratori". I dipendenti dello stabilimento di Novi Ligure "continueranno a lavorare tutti, sia per la Pernigotti che per altri marchi, così possono aumentare anche i posti di lavoro". "Il contratto definitivo dovrà essere sottoscritto entro il 30 settembre per garantire la reindustrializzazione del sito. - afferma -. Noi ci siamo, ci sono i lavoratori, che da mesi lottano per difendere un sito e una produzione importanti".

Latest News