Nicola Zingaretti: "Conte, Salvini e Di Maio ora scappano perchè hanno fallito"

Nicola Zingaretti:

Nicola Zingaretti: "Conte, Salvini e Di Maio ora scappano perchè hanno fallito"

Sta finendo un incubo, il tentativo di cambiamento promesso dai gialloverdi ha naufragato. Il segretario del Pd ha detto, intervistato durante il programma "In Onda" di La7, che "lo scorso 4 marzo la sfida elettorale si era divisa su tre poli, alle prossime elezioni invece la sfida netta sarà tra Pd e Lega. L'Italia ha bisogno di lavoro, sviluppo, investimenti e ha bisogno di un governo che si dedichi a questo e non ai giochi estivi di Salvini e Di Maio contro gli italiani". I fatti, e il vuotissimo intervento dell'insipido Zingaretti a Villalunga lo ha spiegato bene, è che senza Renzi e Calenda il PD di oggi vale il 5% e Zingaretti è morto. Il rischio è fare nuovi debiti o nuovi tagli o nuove tasse.

Nicole Mazzocato e Fabio Colloricchio finiscono in Tribunale: scattata la querela
Mi ha deluso perché io non ero lì, non potevo difendermi, cosi sono passata alle vie legali e l'ho querelato ". Penso che si stia rifacendo la sua vita.


Parlando dell'ex segretario Matteo Renzi: "Dico a Matteo: aiuta, dai una mano". Se vogliono far cadere il governo vadano dal Presidente della Repubblica e poi davanti alle Camere, vedano se c'è la fiducia. In caso di ritorno alle urne a livello nazionale in autunno, la pressione per un election day potrebbe essere difficile da ignorare, anche se l'intenzione del governatore Stefano Bonaccini - non è una novità - resterebbe quella di arrivare fino a gennaio per avere il tempo di licenziare la manovra economica regionale ed evitare all'Emilia-Romagna l'esercizio provvisorio. Con Luigi Di Maio non si tratta, con la corrente di sinistra dei pentastellati si può aprire una trattativa. Ieri, per esempio, è stata recapitata in municipio un'altra lettera anonima di minacce infarcite di volgarità. Quella che si è scatenata è una battaglia politica indecente.

Latest News