Stati Uniti, "in Illinois prima vittima di sigaretta elettronica"

Sigaretta elettronica primo morto negli Stati Uniti la misteriosa malattia polmonare causata dalle svapate

Usa, primo decesso legato all’utilizzo di sigarette elettroniche

Una persona è morta in Illinois dopo aver contratto una grave malattia polmonare, che potrebbe essere legata all'uso della sigaretta elettronica.

Il sospetto dei medici è che dietro a questi casi - da fine giugno ne sono stati registrati 193 in totale negli Stati Uniti, di cui 22 soltanto nello stato dell'Illinois - possa esserci l'uso di svapo al THC (tetraidrocannabinolo), come confermato da diversi pazienti. La notizia è stata resa nota dal dipartimento di Sanità pubblica dello Stato, stando a quanto ha riportato Sky News.

La persona deceduta aveva un'età compresa tra i 17 e i 38 anni ma altro non si sa: non si conosce né il nome né la città d'origine o la data del decesso che non sarebbe stato comunicato volontariamente dalle autorità di sicurezza americane.

Epidemia di listeriosi in Spagna: alto rischio di contagio, è allarme internazionale
Le persone possono contrarre la listeriosi mangiando cibo contaminato o entrando in contatto con esseri umani o animali infetti. Il Ministero della Salute ha informato giovedì che nessun alimento venduto dalla società di Siviglia deve essere consumato.


Il centro per il controllo e le prevenzioni delle malattie (Cdc) lancia un allarme e denuncia che altre 200 persone si sono ammalate in tutto il Paese per via della sigaretta elettronica.

L'associazione italiana per la ricerca contro il cancro (AIRC) avverte sul proprio sito che i non fumatori dovrebbero evitare le sigarette elettroniche, poiché la nicotina favorisce ipertensione e diabete (e nei giovani può interferire con lo sviluppo neurologico); inoltre le sostanze aromatizzanti - presenti anche nei prodotti senza nicotina - sono sospettate di esporre a rischi per la salute. È il motivo per cui della morte dell'uomo in Illinois si sta parlando come della possibile prima morte negli Stati Uniti dovuta al fumo di sigarette elettroniche, sui cui effetti si discute da tempo. Gli Stati coinvolti sinora sono California, Connecticut, Florida, Illinois, Indiana, Iowa, Minnesota, Michigan, North Carolina, New Jersey, New Mexico, New York, Pennsylvania, Texas, Utah, Wisconsin. Tutti arrivati ai pronto soccorso con sintomi seri: difficoltà di respiro, fatica estrema, tosse, dolori al torace. "Le sigarette elettroniche non sono un aerosol privo di rischi: gli scienziati hanno già identificato una verietà di ingredienti nocivi, dal piombo ad alcuni aromi artificiali che sono tossici". Jacob Kaslow, pediatra pneumologo al "Monroe Carell Jr".

A rendere difficile la diagnosi tempestiva della "nuova malattia" legata allo svapo sono i sintomi comuni ad altre malattie. Spesso le manifestazioni vengono scambiate per polmonite, ma poi non migliorano con gli antibiotici. Tuttavia nulla a che vedere con i danni e i decessi che possono essere collegati oltre ogni ragionevole dubbio al fumo di sigaretta. Si ipotizza che in alcuni casi possa essersi trattato di svapatori acquistati per strada e non dai rivenditori autorizzati.

Latest News