Berlusconi: un Governo sbilanciato a sinistra e' pericoloso

Silvio Berlusconi uno scenario impensabile Forza Italia con Pd e M5s

Consultazioni, Berlusconi: "Maggioranza di centrodestra o elezioni"

Lo ha detto Silvio Berlusconi, al termine delle consultazioni di Forza Italia al Quirinale. Della delegazione facevano parte anche il numero due di Forza Italia, Antonio Tajani, e i capigruppo di Senato e Camera, Anna Maria Bernini e Maria Stella Gelmini.

Berlusconi: "Abbiamo manifestato al Capo dello Stato la nostra preoccupazione per questa crisi di governo, aperta in un momento delicato per la nostra nazione".

"Un governo non può nascere in laboratorio". In nessun caso Forza Italia sarebbe disponibile ad alleanze di alcun tipo con forze che finora abbiamo contrastato: "il paese ha bisogno di un governo stabile, coerente, con forte legittimazione popolare". Un Esecutivo, ha aggiunto il leader dei forzisti, che porta all'Italia il rischio di una patrimoniale e che, sbilanciato a sinistra, può essere pericoloso per il Paese.

Breaking Bad: El Camino: ecco data e primo teaser trailer del film
Già questo basterebbe a ribaltare la tranquillità di questo finale d'agosto, mettendo in stato d'agitazione i fan della serie. Nelle ultime ore l'hype per l'arrivo del sequel di Breaking Bad è cresciuto vertiginosamente per due sostanziali motivi.


Le consultazioni riprenderanno alle 16 e c'attesa per ciò che diranno gli ex partner di governo, Lega e M5s.

Elezioni scelta più rispettosa verso i cittadiniAnche la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, vorrebbe tornare al più presto alle urne: "Le elezioni - spiega - sarebbero la via più rispettosa dei cittadini e della Costituzione, che affida la sovranità al popolo".

"Occorre costituire in Parlamento una maggioranza di centrodestra che corrisponda al sentire degli italiani, qualora non sia possibile realizzarla la strada maestra è una sola: elezioni anticipate". Il centrodestra non ha attualmente in numeri in parlamento per formare una maggioranza. "Ci sono in giro dei programmi che metterebbero a zero tutta l'editoria, non solo quella televisiva ma anche della carta stampata", ha concluso Berlusconi nell'unico passaggio "a braccio" che il Cav ha fatto, dopo aver letto in precedenza tutto il suo intervento.

Latest News