Assemblea Mediaset, via libera al riassetto. Nasce MediasetForEurope

Mediaset, Vivendi può votare sul merger ma è una vittoria di Pirro

Mediaset, in assemblea su riassetto presente 62,5% del capitale

Ed in queste ore il tribunale ha sentenziato, purtroppo non a favore della televisione privata italiana: con ordinanza emessa il 31 agosto 2019, il Tribunale di Milano ha integralmente accolto il ricorso urgente proposto da Vivendi (difesa da Ferdinando Emanuele e Giuseppe Scassellati) al fine di poter partecipare e votare, con le azioni a sé intestate (9,99% dei diritti di voto), all'assemblea di Mediaset che si terrà il 4 settembre 2019. Quest'ultima, nei disegni del gruppo di Cologno Monzese, dovrebbe costituire l'ossatura di un nuovo polo tv europeo, aperto all'ingresso di ulteriori gruppi industriali del settore che fossero interessati a farne parte.

Dopo la disputa nei tribunali con Vivendi, l'assemblea straordinaria degli azionisti di Mediaset ha dato il via libera al riassetto della società. Mediaset ha chiesto un risarcimento danni complessivo di circa 3 miliardi di euro a Vivendi e per il momento non si vedono possibili mediazioni all'orizzonte. Il fronte del no, capitanato da Vivendi, si è fermato al 21,08% dei diritti di voto.

Il giudice aveva ammesso Vivendi a esercitare il voto, ma aveva definito l'attribuzione della quota a Simon "non idonea a realizzare un'assoluta segregazione delle azioni Vivendi che superano il 10%", ricordando che precedentemente aveva valutato come "non abusiva" la scelta di Mediaset di bloccare Simon.

Scomparso in Brasile, Luca Romania è stato ritrovato carbonizzato
A dare l'allarme sono stati i parenti che aspettavano il suo rientro a casa. Sul caso sta ora indagando la polizia civile.


Nell'esposto in Consob, Vivendi aveva affermato che il comunicato di sabato scorso del Biscione "fornisce informazioni inaccurate e fuorvianti", capaci di avere influenza sul titolo in Borsa.

Non solo Vivendi, come aveva annunciato, ha votato contro il progetto Mfe. Strade diverse ma "win-win" per la finanziaria dei Berlusconi, con Bollorè che sta cercando alternative per uscire dall'angolo.

Latest News