Pedro si presenta così: "Fiorentina, sono pronto per giocare con la Juve!"

Montella, allenatore senza successi in A nel 2019: contro la Juve deve per forza vincere

Montella ricorda l’ultimo trofeo: «Dopo di me il Milan non ha più vinto»

"È vero che vuol fare il giro del campo insieme ad Agnelli prima della sfida con la Juve?". Poi mi sono messo a ridere, era una battuta davvero. Non lo farei neanche per 2miliardi di dollari. Tanto che, alla terza giornata, una parte non irrilevante di tifosi è in fermento, piena di dubbi nei confronti dell'allenatore: possibile che i nostri sogni, alimentati dalla conferma di Chiesa e dall'arrivo di Ribery, siano già finiti? È un attaccante moderno. È un acquisto di crescita. Pedro è un attaccante che vive per il gol. Ringrazio mia madre e mio padre, altrimenti non sarei qui. Ci hanno giocato grandi giocatori come Dunga e Edmundo e la società sta costruendo una grande squadra. Ha ragione il presidente Commisso quando dice che i bianconeri possono schierare anche tre squadre.

Ha un obiettivo minimo di reti da segnare?

Conosceva già qualche giocatore della Fiorentina?

Qualcuno l'accosta a Ibrahimovic, Lewandowski e Benzema.

Quali sono le sue caratteristiche principali?

Presente alla festa di presentazione del Sesto calcio, il dirigente della Fiorentina Dario Dainelli ha rilasciato alcune dichiarazioni al centro del terreno di gioco dove è avvenuta la cerimonia. Noi saremmo rimasti con lui se non avesse avuto un'opportunità per andare a giocare altrove. E' un sogno che si realizza, quando ero piccolo lo sceglievo alla play. Spero di giocare una grande stagione.

L'abbraccio, poi la corsa: la tenerezza in un gesto
Marta Vigneri è nata a Bari e ha studiato e lavorato in diverse città, tra cui Roma, Bruxelles e Dakar. Maxwell e Flannigan sono inseparabili , Michael Cisneros , Maxwell padre , ha detto a ABC news .


Lei esulta con l'inchino, cosa darebbe per farlo contro la Juventus?

Vorrei fare il primo inchino sabato contro la Juventus, ma prima viene il gruppo. Per me tornare a Firenze è stato come tornare a casa. Poi c'è stato l'infortunio.

Cosa l'ha aiutata dopo il pesante infortunio dello scorso anno? E' stata difficile per me, grazie a Dio l'ho superato. "E' un momento superato anche psicologicamente".

Cosa penso di Boateng e Vlahovic?

"Sono due grandi giocatori".

Latest News