Nuoro, bambino figlio di vegani ricoverato per denutrizione

Bimbo due anni genitori vegani. Ctrdits iStock

Bimbo due anni genitori vegani. Ctrdits iStock

Magrissimo, stanco, svogliato, senza voglia di ridere né di giocare: Marco (è un nome di fantasia), nemmeno due anni, figlio di una coppia vegana, è apparso così ai medici dell'ospedale San Francesco di Nuoro dove i genitori lo hanno portato nei giorni scorsi. Le sue condizioni sono apparse subito preoccupanti. Non è la prima volta che arriva una notizia del genere; sempre più spesso si sente e si legge di bambini "costretti" a seguire le diete dei genitori. Non si capacitavano della magrezza e della debolezza del piccolo, ma i medici lo hanno capito subito: una grave forma di denutrizione - ma fortunatamente il bimbo non è in pericolo di vita. Immediate sono state le analisi condotte sul suo corpicino, volte ad accertare se il piccolo fosse affetto da qualche virus o malattia particolare.

Il piccolo è ricoverato nel reparto di Pediatria: non è in pericolo di vita.

Vittoria e bonus offensivo per l’Italrugby contro Namibia
All'intervallo, +14 per la squadra di O-Shea che nella ripresa controlla senza problemi (sette mete totali per gli Azzurri). Siamo riusciti a segnare 47 punti senza giocare al nostro vero livello ".


Adesso il piccolo sta ricevendo le prime cure del caso. Grazia Catina, la direttrice dell'Assl di Nuoro, ha detto all'Ansa: "Ci occupiamo delle problematiche alimentari che riguardano i bambini con grande attenzione". Gli esami, escludendo ogni altra patologia, hanno infine registrato un grave stato di denutrizione nel bambino. "Le strutture dell'Assl assicurano la presa in cura con approccio specialistico che si avvale di collaborazioni multidisciplinari e multiprofessionali, per tutelare e promuovere la salute dei bambini e delle loro famiglie". Potrebbe essere stato sottoposto a una dieta povera di proteine, fondamentali, invece, per la sua età, oppure potrebbe trattarsi di un problema genetico. Al momento il bambino è curato giorno e notte e al suo fianco ci sono i genitori. Scopo le prime cure le sue condizioni di salute sembrerebbero leggermente migliorate. I medici, appena le sue condizioni lo consentiranno, contano di impostare un piano alimentare congruo allo sviluppo del minore, che coinvolgerà i genitori.

Latest News