Germania, sparatoria davanti a una sinagoga: vittime

Germania sparatoria di fronte a una sinagoga ad Halle. Almeno due morti fermato un sospetto

Germania, sparatoria vicino a una sinagoga a Halle: almeno due morti. Un arresto

Una bomba a mano sarebbe stata fatta esplodere nel cimitero ebraico.

Dopo le prime voci di fuga degli attentatori a bordo di una vettura, arriva la conferma dell'arresto di un uomo e le prime ricostruzioni più dettagliate. Lo ha riferito l'inviata della dell'emittente di notizie N-tv che continua a trasmettere inquadrando il locale con vetrine verdi.

La sparatoria davanti alla sinagoga è avvenuta nel giorno del Yom Kippur, la ricorrenza religiosa ebraica che celebra il giorno dell'espiazione dei peccati e la riconciliazione.

Nobel per la Medicina a Kailin, Ratcliffe e Semenza
William Kaelin , 61 anni, attualmente è un ricercatore presso l'Howard Hughes Medical Institute negli Stati mentre Gregg L. Ratcliffe confermò che Vhl interagiva con Hif-1α ed era necessario per il ripristino di livelli normali di ossigeno .


Sono quelli esplosi nella tarda mattinata a Halle, in Sassonia, nell'Est della Germania, "davanti alla sinagoga" del quartiere Paulus. La Deutsche Bahn ha intanto chiuso la stazione ferroviaria di Halle. Trattandosi di una situazione di particolare emergenza, tutte le unità di polizia sono state trasferite sul luogo dell'attacco. Bersaglio degli inquirenti, sette individui considerati autori delle lettere minatorie sulla base delle quali sono partite le indagini, secondo quanto riferito dal ministro dell'Interno bavarese Joachim Herrmann. Lo sparatore vestito da militare descritto dal testimone oculare ha esploso colpi contro un doner, una tavola calda che offre fra l'altro panini di carne alla turca.

"Un uomo armato spara attorno a sé" ed è "in fuga", ha indicato l'emittente tedesca di notizie N-Tv, aggiungendo che secondo un testimone l'aggressore di Halle era vestito di verde, "da militare" con un "elmetto", portava una maschera e ha sparato contro un negozio con un "mitra". Le forze dell'ordine tedesche invitano tuttavia a evitare speculazioni soprattutto online.

Latest News