FCA e PSA: raggiunto accordo sulla fusione

Fusione Fca-Psa: in arrivo il quarto produttore mondiale automotive, quotazioni Fiat schizzano in Borsa

Azioni FCA prima non fanno prezzo poi volano, verso fusione con Peugeot

L'operazione porterà alla nascita del quarto costruttore al mondo con 8,7 milioni di auto vendute alle spalle di Gm, Volkswagen e l'alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi. Per lui, si tratta "già di un primo brutto segnale, se posso permettermi, a meno che non mi si spieghi che c'è un motivo particolare" di impiantarsi nei Paesi Bassi "per tre aziende di cui nessuna è olandese", ha ironizzato Berger, tornando a bollare la scelta come "obiettivamente scandalosa".

Il board di Fiat Chrysler Automobiles e Psa Peugeot approvano all'unanimità il mandato al management per una "piena aggregazione" dei gruppi, con una fusione alla pari 50-50, un'operazione che darebbe vita colosso da oltre 40 miliardi di euro di valore di mercato.

Giorgio Tirabassi ha avuto un infarto: l'attore è in gravi condizioni
Era lì per presentare il suo ultimo film " Il grande salto ". Ha studiato presso l'Università statale di Milano. Le sue condizioni sembrano gravi .


Dividendo da sogno per azionisti FCA Tuttavia, in borsa a festeggiare sono gli azionisti FCA, mentre quelli PSA se la danno a gambe. I due gruppi garantiscono che il nuovo gigante dell'auto continuerà a mantenere "una importante presenza" nelle attuali sedi operative centrali in Francia, Italia e negli Stati Uniti. Inoltre, la nuova holding a monte che nascerà dalla fusione tra Fca e Psa avrà sede in Olanda e sarà quotata a Parigi, Milano e Wall Street. Per fronteggiare l'emergenza crescente del cambiamento climatico e per mettere le basi di una futura mobilità sostenibile, di fatto guidando l'evoluzione di un'intera industria che, repentinamente come mai prima d'ora, ha dovuto cambiare la rotta, gli obiettivi e forse la sua stessa natura.

"Sinergie annuali a breve termine stimate in circa 3,7 miliardi di euro, senza chiusure di stabilimenti", è uno degli obiettivi che si raggiungerebbero con la creazione del nuovo gruppo. Ma siamo sicuri che sia sufficiente? Il cda sarebbe composto da 11 membri: cinque saranno nominati da Fca (incluso John Elkann, che diventerebbe anche presidente) e cinque da Psa. I nuovi diritti di doppio voto scatteranno se si sarà in possesso dei titoli per almeno tre anni a partire dall'efficacia della fusione. Peugeot distribuirebbe ai propri azionisti la partecipazione del 46% in Faurecia. Ciò consentirebbe agli azionisti del gruppo risultante dalla fusione di condividere equamente le sinergie e i benefici derivanti da una fusione, riconoscendo nel contempo il valore significativo della piattaforma differenziata di FCA in Nord America e la sua forte posizione in America Latina, compresi i suoi margini ai vertici del settore in quelle regioni. Ciò rifletterebbe anche il valore aggiunto che i marchi globali di fascia alta di FCA, Alfa Romeo e Maserati, apporterebbero grazie al loro notevole potenziale di sviluppo.

Latest News