Bonus facciata 2020, balconi rovinati rifacimento o sistemazione compresi o no

Rassegna stampa Pubblicato il 04/11/2019      Legge di bilancio 2020 bonus facciate al via

Rassegna stampa Pubblicato il 04/11/2019 Legge di bilancio 2020 bonus facciate al via

Vediamo come funziona il nuovo bonus facciate 2020 e se il rifacimento dei balconi vi rientra e in che misura. Non così, invece, per il bonus verde, del quale non c'è traccia nella legge, e sembra quindi destinato a scadere a fine anno. Inoltre la bozza specifica che in questo caso non si applicano i limiti massimi di spesa di 96.000 per unità immobiliare previsti per ecobonus e detrazioni per interventi di ristrutturazione (aggiunta al comma 1 dell'articolo 16, del decreto-legge 4 giugno 2013, n.63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n.90 dedicato alle detrazioni). D'altra parte l'obiettivo dichiarato del governo è quello di migliorare l'aspetto estetico delle città, in centro ma anche nelle periferie.

Per questi ultimi interventi sono confermate anche per il 2020 le aliquote e le regole attuali.

Considerando che la l'agevolazione interessa anche la semplice manutenzione ordinaria, si potrà usufruire del bonus anche per la sola tinteggiatura della villetta unifamiliare senza prevedere un cambio di colore. Presente anche il sismabonus: lo sconto fiscale dedicato alla messa in sicurezza degli immobili che può arrivare fino all'85 per cento.

Sampdoria-Lecce, Ranieri: "Niente pessimismo, dobbiamo reagire. La squadra di Liverani…"
Il Lecce , nonostante l'uomo in meno dopo l'espulsione del greco, riesce comunque a non subire l'arrembiaggio blucerchiato. Le difficoltà dei padroni di casa a creare dei problemi alla difesa leccese, però, non diminuiscono di molto.


La legge di Bilancio 2020 prevede una serie di agevolazioni per gli interventi edilizi su appartamenti ad uso abitativo ed immobili anche condominiali.

Le spese sostenute, ovviamente, dovranno essere documentate e i pagamenti effettuati con metodi tracciabili (bonifico "parlante" con indicazione della prestazione fatturata e dei codici fiscali o partite Iva del cliente e dell'impresa o dell'artigiano che ha eseguito i lavori); la detrazione sarà spalmata in quote costanti nei successivi dieci anni, come già avviene per gli altri bonus.

Latest News