Di Maio regala la maglia azzurra a Xi Jinping

Cina Di Maio e il vorrei ma non

Novanta imprese italiane a Shanghai per il China International Import Expo (5-10 novembre)

Il capo della diplomazia italiana - rende noto la Farnesina in un comunicato - ha quindi confermato che l'Italia continuerà a lavorare attivamente per consolidare il proprio posizionamento commerciale in Cina e per accrescere ulteriormente la visibilità e la reputazione del Made in Italy.

Con uno stand di 36 mq posto nell'area quality life, presenterà due nuove collezioni, una estiva ed una invernale, con lo scopo di trasmettere i valori dell'eccellenza creativa e manifatturiera italiana. Perciò il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, nel suo ruolo di promotore del Made in Italy, è intervenuto in apertura, riponendo grandi speranze nei risultati attesi di aumento dell'export italiano verso la Cina. La EUCCC ritiene che se quest'anno potesse essere firmato almeno l'accordo sulla protezione delle indicazioni geografiche (IG), ciò proverebbe che è possibile raggiungere accordi rilevanti per le imprese. Un risultato spinto anche dal crollo delle esportazioni di vino Usa in Cina a causa della guerra dei dazi fra gli Stati Uniti e il gigante asiatico per la quale si sta cercando di raggiungere un accordo tra Donald Trump e Xi Jinping.

L'ambizione di Di Maio è quella di conquistare il gigantesco mercato interno cinese, che grazie alle politiche di riduzione della povertà, adesso si ritrova con l'enorme domanda di beni di consumo della neonata classe media cinese. Risponde Di Maio: "A Roma abbiamo convocato un tavolo Italia-Cina per coinvolgere le nostre imprese delle infrastrutture; per i Paesi terzi dove impegnarci guardiamo all'Africa, dove ci sono progetti avviati dai cinesi che si aspettano la nostra collaborazione, con stile e standard di qualità italiani".

Tentato dirottamento all'aeroporto di Amsterdam - Ticinonline
In seguito all'intervento delle forze dell'ordine è emerso che il pulsante di emergenza è stato attivato per errore. Il velivolo non è mai decollato, ma è rimasto per tutto il tempo fermo sulla pista, agganciato al finger.


Il made in Italy "è promozione turistica e viceversa: la promozione turistica è promozione del made in Italy", dice ancora Di Maio.

Agenpress - "L'Italia e la Cina non sono mai state così vicine". I capitoli più delicati per l'UE nel suo insieme sono affrontati in altri contesti con una adeguata presenza istituzionale, tant'è che in questi giorni saranno organizzati incontri paralleli per procedere nel dialogo bilaterale, per esempio sulle riforme dell'Organizzazione per il Commercio. Di certo il confronto con la Francia appare impari già in partenza, poiché il presidente Emmanuel Macron dopo Shanghai andrà a Pechino in visita di stato ufficiale e difficilmente si accontenterà di semplici strette di mano.

Prosecco e calcio per il presidente cinese, Xi Jinping, in visita oggi al padiglione italiano della China International Import Expo, al via oggi a Shanghai.

Latest News