Pioli rivoluziona il Milan per fermare la Juve

Stefano Pioli e Jesus Suso

Stefano Pioli e Jesus Suso

"Ha fatto una buona settimana di lavoro, ed è disponibile per giocare". L'olandese prenderà dunque posto in difesa accanto a Bonucci, con Cuadrado ed Alex Sandro che dovrebbero agire da terzini.

"E' difficile, ha tante possibilità di farti male".

La svolta, al momento, sembra comunque lontana: "A noi servirebbe tanto vincere, parlare di svolta è sempre difficile - ha detto Pioli -. E' consapevole di non essere entrato con lo spirito giusto, mi auguro abbia imparato la lezione e che la sua prossima prestazione sia di altro livello". Contro di lui dobbiamo essere molto attenti, chi è in zona Ronaldo deve essere molto determinato per concedergli poco spazio. Tra l'altro vorrei che si sgombrasse il campo da un equivoco: un conto è avere il bilancio in rosso e un altro è avere debiti. Ma conta la classifica finale, siamo in ritardo e dobbiamo fare molti punti.

"L'intensità fa la differenza, non credo che all'estero corrano di più, cambia l'intensità". E' un grandissimo campione, tra i più grandi calciatori di sempre. Per giudicare veramente un giocatore lo devo allenare. "E' una squadra completa, ha fisicità, sa leggere le situazioni, ma ha anche dei punti deboli: dobbiamo essere bravi a metterli in evidenza".

"E' un grande giocatore e professionista ma il mercato di gennaio è molto lontano, ci sarà tempo per le valutazioni". In alcune partite lo abbiamo fatto abbastanza bene. "Sbagliare ci sta, bisogna andare oltre". All'interno dello spogliatoio ci sono giocatori importanti come Biglia, Reina, Suso e Romagnoli, Donnarumma è molto maturo e molto dentro il Milan. E' la cultura che è diversa.

San Siro, Milan e Inter: "Valuteremo le condizioni"
Questa mattina, infatti, la Giunta del Comune di Milano ha deliberato il pubblico interesse alla proposta dei due club sullo stadio San Siro .


"Quando faccio delle scelte cerco di ottenere un vantaggio - ha proseguito l'allenatore del Milan -". L'abbiamo messa in campo anche domenica nel secondo tempo contro la Lazio. Dobbiamo essere compatti e aggressivi, incontriamo giocatori di grande qualità. "Le grandi sfide danno grandi opportunità, dobbiamo essere pronti a giocarcela a testa alta". "Dobbiamo saper leggere tutte le situazioni, penso di dover mettere in campo i giocatori giusti per fare bene".

Cosa si aspetta dai tifosi?

"Gli chiedo di continuare a sostenerci come stanno facendo". Contro la Lazio sono stati con noi fino alla fine, hanno provato ad aiutarci anche nei momenti difficile. Poi dopo i numeri non sono importanti, l'intensità deve crescere e lo si fa solo attraverso gli allenamento.

"Quattro punti sono pochi, è un rammarico che ci deve dare più attenzione e cura dei particolari". "Abbiamo giocato alla pari con tutti e dovremo avere qualche punto in più", dice il tecnico del Milan. "Con più precisione tecnica e meno errori possiamo trovare delle situazioni favorevoli".

Latest News