Fabio Fognini: "Io e Flavia Pennetta aspettiamo una bambina"

VERISSIMO, ospiti e anticipazioni di sabato 9 novembre 2019

Il Volo ospiti a Verissimo il 9 novembre: festeggiano 10 anni di carriera

Il tennista Fabio Fognini si racconta in una intervista a Silvia Toffanin di Verissimo tra vita privata e carriera sportiva. Devo dire grazie alla mia famiglia che ha fatto tanti sacrifici per farmi giocare e sopratutto grazie al tennis che mi ha dato da vivere. Perdo le staffe, mi sfogo, so che non dovrei farlo, però nella vita sono una persona calmissima.

Nel talk show di Canale 5, Fabio ha parlato anche dell'uscita dalla top 10 della classifica ATP: "Mi è dispiaciuto, mi sono tirato la mazza sui piedi da solo". E' stato merito mio entrarci e demerito mio uscirci.

Una partecipazione speciale quella del campione che in questi giorni ha voluto ringraziare il coach Franco Davin con cui ha raggiunto risultati importantissimi come il Masters 1000 di Montecarlo e l'ingresso in Top 10 dove è rimasto per 8 settimane. Nel giro di 9 anni si aggiudica la vittoria in 9 tornei del WTA ed entra a far parte della top ten delle tenniste mondiali, record storico visto che mai nessuna tennista italiana ci era riuscita.

Douglas Costa: "Il calcio è uno spettacolo non compatibile con il razzismo"
Il Pipita è più che mai determinante in questo momento sia che entri dall'inizio sia che entri a partita in corso. Dedico il gol a Nathalia, una persona molto importante per me".


Dopo Federico, arriverà una bimba in casa Fognini. Fognini ha poi rivelato che, anche il secondo figlio, si chiamerà con un nome che inizia per F, una tradizione di famiglia: "Non abbiamo ancora deciso il nome ma sicuramente inizierà con la F, come tutti noi in famiglia. Ho questo comportamento per vari motivi: ho il fuoco dentro, possono scattarmi quei due secondi di follia o a volte può essere una tattica per perdere tempo". "Speriamo che vada tutto bene, questa è la cosa più importante". Si soffre troppo. Vorrei che mio figlio Federico non giocasse a tennis, fosse per me gli leverei la racchetta. "Sono cose però che non si dovrebbero fare". Potrà studiare, giocare a calcio o a golf: qualsiasi cosa, ma non il tennis, perché è uno sport bellissimo ma molto faticoso.

Poi parla di Flavia: "Ci siamo allenati insieme nello stesso centro, a Barcellona".

Latest News