L'influenza miete le prime vittime: a letto già 341 mila italiani

Influenza in 4 settimane già a letto 341.000 italiani

Influenza, in quattro settimane a letto 341 mila italiani

L'influenza di quest'anno potrebbe superare livelli molto alti e il Ministero della Salute da dei consigli da seguire per evitare il contagio - dietro l'angolo. Secondo l'ultimo bollettino dell'Istituto superiore di sanità, infatti, dal 4 al 13 novembre sono stati 119 mila i casi registrati nella Penisola, per un totale - dall'inizio della sorveglianza - di circa 341.000 casi. In quasi tutte le Regioni l'incidenza è ancora sotto la soglia. Il dato risale leggermente nella fascia 15-64 anni (2 casi per mille), mentre tra gli over 65 si scende a 1,22 casi per mille assistiti. Di pari passo, le indicazioni dell'AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, che discorrendo proprio sul ritorno dell'influenza elargisce importanti raccomandazioni e invita a diffidare delle fake news diffuse soprattutto sui social.

"Le principali raccomandazioni - scrive Aifa - per proteggere se stessi e gli altri dall'influenza e dalle sue conseguenze sono, oltre a vaccinarsi, lavare di frequente e accuratamente le mani, utilizzare un fazzoletto quando si starnutisce o tossisce per limitare la diffusione del virus, arieggiare spesso gli ambienti chiusi".

Sabrina Ferilli è irriconoscibile mentre fa la spesa con Flavio Cattaneo
L'esibizione di quattro fratelli emigrati in Svizzera oggi ha fatto commuovere Sabrina Ferilli a Tú sí que vales . E' amica vera di più di una donna nel mondo dello spettacolo, prime tra tutte Mara Venier e Maria De Filippi .


L'intervento in merito è arrivato da parte dell'AIFA che su Facebook ha lanciato un "allarme bufale":"Attenzione ai malanni di stagione e combatti con noi contro le fake news".

La vaccinazione, ricorda l'Aifa, è raccomandata e gratuita per le fasce della popolazione più a rischio, ma tutti i cittadini possono decidere di farla acquistando il vaccino antinfluenzale in farmacia. "In caso di influenza non ricorrere agli antibiotici". Nel caso di dubbi rivolgiti senza esitare al tuo medico e alle Istituzioni che tutelano la salute pubblica: "Ministero della Salute, AIFA e Istituto Superiore di Sanità".

Latest News