Assassinata una ballerina di 20 anni, il killer era appena evaso

Immagine di copertina

Assassinata una ballerina di 20 anni, il killer era appena evaso

Il caso ha scosso la Turchia, flagellata dai femminicidi. Ma a morire è stata lei, Ceren Ozdemir, studentessa universitaria turca di 20 anni.

Ceren Ozdemir, era una studentessa turca dell'accademia di musica e belle arti e ballerina classica. In base ad un prima ricostruzione, la 20enne, è stata accoltellata sul portone della sua abitazione al ritorno da una lezione di danza.

Parma, D’Aversa: "Vogliamo passare il turno di Coppa Italia"
"Questa sera sotto l'aspetto della determinazione, anche si è commesso degli errori e si è concesso qualcosina, la volontà di portare a casa il risultato fino alla fine c'è stata". "Ci tenevamo a passare il turno, probabilmente dalle scelte iniziali qualcuno poteva pensare che non avremmo onorato l'impegno ma assolutamente no.


Le fonti riportano che è stata la sorella a trovare la giovane, che giaceva riversa in una pozza di sangue e con numerose coltellate sulla schiena.

Il rettore dell'università di Ordu, Ali Akdogan, ha dichiarato che la giovane donna ha suonato il campanello di casa, senza però varcarne la porta. Ozgur Arduc, questo il nome dell'omicida, era ancora in possesso dell'arma del delitto quando è stato raggiunto dalla Polizia. "Volevouccidere qualcuno, volevo ammazzare qualche donna" ha spiegato infatti il killer agli inquirenti che lo interrogavano su quanto accaduto in strada. Quando è stato intercettato dalla polizia ha fatto resistenza, ferendo in modo non grave due agenti. Un omicidio senza senso che poteva diventare in realtà anche una strage. "Se avessi trovato una pistola, avrei ucciso molte più persone, dopo la ragazza ho cercato nuove prede ma non ho avuto l'occasione per ucciderle". Secondo i dati della associazione Kadın Cinayetlerini Durduracağız Platformu (We Will Stop Femicides Platform), che tiene conto delle donne uccise nel Paese, in Turchia nel 2019 sono state 390 a cadere per mano di uomini, per lo più ex mariti, compagni o parenti, 39 nel mese di novembre. Secondo la piattaforma 'Fermeremo i femminicidi', quelle assassinate dall'inizio del 2019 sono almeno 390, in aumento rispetto agli anni scorsi. Quest'anno sono quasi 400.

Latest News