Studentessa non è morta per meningite - Ultima Ora

Via Musei la sede della facoltà di Scienze matematiche dell'Università Cattolica

Via Musei la sede della facoltà di Scienze matematiche dell'Università Cattolica

Sono state avviate tutte le procedure di profilassi del caso. L'autopsia smentisce la meningite.

Dopo la morte, la madre della ragazza aveva chiesto la verità.

L'autopsia effettuata sul corpo di Veronica Cadei smentisce tutte le prime illazioni: la ragazza non è morta per meningite ma per un'altra infezione.

Non è stata la meningite in sé a uccidere Veronica, quanto le complicazioni dell'infezione: in gergo si chiama "sepsi", una risposta infiammatoria eccessiva dell'organismo a un'infezione generalizzata che danneggia tessuti e organi. Il liquor era pulito e le meningi intatte.

La vedova di Pino Daniele con un nuovo amore: svelata l'identità
La donna, ex moglie dell'indimenticabile Pino Daniele , è stata beccata in atteggiamenti intimi e complici con Luca Di Tolla .


LEGGI ANCHE Incidente terribile per Antonio Alfieri. Ora il sostituto procuratore Lorena Ghibaudo ha firmato il nullaosta alla sepoltura. Dopo le parole dei medici mamma Deborah e il marito non avrebbero mai pensato che tornando a casa, come è stato chiesto loro di fare, non avrebbero più visto all'indomani lo sguardo della loro bambina. I funerali saranno celebrati lunedì alle 14.30 a Villongo, la sua città natale in provincia di Bergamo. La giovane, che ha frequentato l'istituto Antonietti di Iseo e si era iscritta al primo anno di Matematica dell'Università Cattolica, era stata soccorsa da un amico lunedì pomeriggio. "Poi al mattino alle tre ci hanno chiamati per dire che il quadro era peggiorato, e alle sette del mattino Veronica aveva smesso di vivere".

Il 19 è un numero che la giovane studentessa non dimenticherà mai; fortunatamente non solo legato alla brutta esperienza vissuta; il 19 dicembre prossimo infatti, compirà 18 anni. "Siamo a disposizione della magistratura".

TI POTREBBE INTERESSARE: Chi è Bebe Vio?

Latest News