Bollette, ARERA: da gennaio netto calo per l’elettricità

Bollette, per il 2020 scende il costo della luce e aumenta di poco il gas

Bollette, da gennaio netto calo per l’elettricità (-5,4%): lieve aumento per tariffe del gas

Il primo trimestre 2020 vede in calo le Bollette luce in lieve aumento mentre subiscono un aumento le bollette del gas.

Nel 2020, secondo l'Unione Nazionale Consumatori, "per una famiglia tipo significa pagare 30,5 euro in meno per la luce e 8,50 euro in più per il gas: "Ottima notizia - commenta l'associazione -". Sempre in base alle stime dell'Arera, al lordo delle tasse, nel periodo compreso tra il primo aprile 2019 e il 31 marzo 2020, il costo sarà pari a 544,2 euro.

Considerando lo stesso periodo temporale, per le bollette del gas, la spesa della famiglia tipo sarà di circa euro 1.040 con una variazione percentuale del -9,5 rispetto ai dodici mesi equivalenti dell'anno precedenti, rilevando un risparmio totale annuo di circa euro 109.

Il decreto Milleproroghe approvato "salvo intese" prevede uno slittamento al 2022 dell'uscita forzata dal mercato tutelato per famiglie e piccole imprese.

La sorella di George Michael morta a Natale come la popstar
La notizia è stata ufficializzata dalla famiglia e dalla polizia ( LE FOTO DEL CANTANTE ). Un triste destino segna la famiglia di George Michael .


Il testo del Milleproroghe ha ripreso anche dal sub-emendamento Pirro il termine di 90 giorni per l'adozione del decreto ministeriale che dovrà fissare criteri e requisiti per l'iscrizione nell'albo dei venditori e del decreto che dovrà stabilire (neretti nostri) "le modalità ed i criteri dell'ingresso consapevole nel mercato dei clienti finali tenendo altresì conto della necessità di concorrenza, pluralità dei fornitori e di offerte nel libero mercato".

Per l'energia elettrica la riduzione finale è il risultato del calo dei costi della materia energia (-2,6% sulla spesa della famiglia tipo) e della forte diminuzione della componente degli oneri generali di sistema (-2,8%), determinata da una riduzione dell'elemento A3 per gli incentivi alle rinnovabili e di alcuni elementi di A-Rim, resa possibile dal buon andamento nella gestione dei conti di cassa, dalla revisione dei fabbisogni e dal ripristino della piena normalità dopo le azioni di recupero per le scelte pro-consumatori del 2018. Si arriva così al -5,4% per l'utente tipo in maggior tutela. Non così sarà per l'energia elettrtica che quindi è destinata a calare, anche se non in maniera sensibile.

Questi dati - contenuti in un comunicato dell'Authority e diffusi ora dall'agenzia stampa Adnkronos - valgono per la famiglia tipo 1 in tutela (con consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all'anno e una potenza impegnata di 3 kW; per il gas i consumi sono di 1.400 metri cubi annui). "Confermano la correttezza delle scelte operate in passato. Rimane inoltre irrisolta la questione dell'eccessiva tassazione sull'energia: a partire dal prossimo anno su ogni bolletta del gas gli italiani pagheranno il 42,66% di imposte e oneri vari (34,4% per la luce), una tassazione che non ha eguali in Europa, a dimostrazione che non è stato fatto abbastanza per alleggerire la pressione fiscale sull'energia, che rappresenta un bene primario e irrinunciabile", conclude Rienzi.

Latest News