Cosa si deve fare contro l'evasione? Una bella lotteria con gli scontrini

Scontrino elettronico da gennaio obbligo per tutti

Dal 2020, al via l’obbligo di scontrino elettronico: cosa cambia per gli esercenti

Parte da oggi l'era dello scontrino elettronico. Tale attestato non avrà valore fiscale, potrà esser conservato per avere diritto al garanzia o al cambio della merce. Ma questo nuovo progetto, inserito nella legge di bilancio e che riguarda 261 commercianti quando entrerà nel pieno, sta scatenando il caos e Confcommercio è sul piede di guerra. I dati verranno infatti memorizzati e trasmessi per via telematica direttamente all'Agenzia delle Entrate, sostituendo così gli obblighi di registrazione delle operazioni effettuate in ciascun giorno. I vecchi registratori andranno sostituiti, eccezion fatta per i modelli più recenti, già predisposti a questa funzione. La nuova normativa non prevede l'applicazione di sanzioni fino al 30 giugno ma piuttosto che adagiarsi, l'organizzazione ha messo in campo una task force attraverso cui gli esercenti saranno sollecitati e accompagnati nei necessari interventi di adeguamento, non senza rimarcare la possibilità di un credito di imposta fino al 50% della spesa sostenuta per acquistare un nuovo registratore telematico o per aggiornare il vecchio registratore di cassa.Carriera: "Moratoria" delle sanzioni per sei mesi"Dal primo gennaio 2020 si è esteso l'obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi (il cosiddetto scontrino elettronico, più correttamente chiamato documento commerciale) a tutti coloro che svolgono un'attività commerciale al dettaglio in Italia" ha spiegato il biscegliese Leo Carriera, direttore Confcommercio Bari-Bat".

C'è anche una buona notizia per i consumatori: dal prossimo luglio, con i nuovi registratori telematici, si potrà partecipare alla lotteria degli scontrini. Inoltre, non sarà più necessaria la conservazione delle copie dei documenti commerciali rilasciati ai clienti. Come avveniva, per esempio, con le copie delle ricevute fiscali.

Via libera alla circolazione dei monopattini elettrici
Soprattutto, cittadini e turisti avrebbero la libertà di muoversi utilizzando un mezzo sostenibile, conveniente e flessibile. Una vera e propria svolta green per migliaia di persone che in Italia utilizzano i monopattini elettrici.


L'Agenzia delle Entrate, nella documentazione diffusa sul proprio sito web, sottolinea anche che a livello fiscale questo nuovo sistema porterà al pensionamento del registro dei corrispettivi. Con conseguente riduzione dei costi e vantaggi operativi. L'acquisizione immediata e corretta dei dati fiscali permetterà all'Agenzia di "metterli a disposizione - mediante servizi gratuiti - degli stessi operatori Iva o dei loro intermediari, supportandoli nella compilazione della dichiarazione Iva e nella liquidazione dell'imposta", si legge in corriere.it.

Latest News