Sul Sebino è psicosi meningite, code per le vaccinazioni

Nuova allerta meningite: una 48enne deceduta a Brescia

Una morta di meningite, è il quarto caso e il secondo decesso, sulla sponda bergamasca del lago di Iseo

La 48enne era originaria di Tavernola, residente a Predore e lavorava a Castelli Calepio, paese a pochi chilometri da Villongo, dove nel dicembre scorso sono stati registrati tre casi di meningite. Nel corso della settimana gli stessi studenti con gli insegnanti e il personale delle scuole superiori (gli altri lo hanno già fatto) inizieranno a sottoporsi alle vaccinazioni.

Vaccinazioni a tappeto non solo nei centri ma anche nelle scuole (che non chiuderanno) e nelle aziende, oltre all'istituzione di un bollettino giornaliero e un canale di comunicazione dedicato per condividere, in primis con i sindaci, tutte le informazioni su ciò che sta accadendo. Prima di tutto Ats e Regione hanno agito con tempestività rispetto ai casi che si sono verificati.

L'Iran non rispetterà più i limiti dell'accordo sul nucleare
La guerra in corso tra Usa e Iran si combatte anche a colpi di social. "Se risponderanno al fuoco colpiremo ancora più forte". I resti di Soleimani saranno portati in Iran dopo la cerimonia.


"Stiamo facendo uno sforzo importante, in un periodo non semplice come quello delle vacanze natalizie - ha concluso Gallera - Abbiamo trovato grande disponibilità da parte dei sindaci, metteremo tutti in sicurezza. Entrambi hanno manifestato il loro apprezzamento per quanto messo in atto". Accanto ai primi cittadini del territorio c'erano il prefetto di Bergamo Elisabetta Margiacci, il Presidente della Provincia di Bergamo Gianfranco Gafforelli, il direttore di Ats Bergamo Massimo Giupponi e rappresentanti di Asst Bergamo Est. Non c'è carenza di vaccini, stiamo lavorando in maniera ampia e coordinata ed è normale non trovarne di questa tipologia in farmacia perché, solitamente, non ne sono provviste in quantità elevate. Bisognerà attendere l'esito dei successivi esami autoptici per stabilire se si tratta del ceppo C del meningococco, lo stesso che aveva ucciso la 19enne Veronica Cadei e che aveva infettato anche un 36enne e una 16enne di Villongo, o se invece si tratta di un altro tipo di meningococco. Ad oggi, comunica l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, sono tate vaccinate 2.000 persone a Brescia e 3.000 a Bergamo. Tra i nati nel 2016 la copertura è del 93 per cento, segno dell'efficacia dell'azione della Regione nonostante il vaccino della meningite non sia più tra quelli obbligatori.

Latest News