Eataly, cambio di governance: Guerra lascia cariche operative, Farinetti resta ad

Eataly guarda verso Londra e l'America, ma intanto cambia i vertici: Guerra lascia le cariche operative

EATALY, A FARINETTI JUNIOR LA GUIDA DEL GRUPPO

Per quanto riguarda i conti dell'anno appena concluso, al quotidiano di via Solferino Farinetti anticipa che nel 2019 il gruppo un perimetro di ricavi totali (incluso franchising) per 620 milioni di euro, con un Ebitda margin del 5% e un utile di che si colloca tra 5 e 10 milioni.

Dopo cinque anni al timone, Andrea Guerra lascia la gestione corrente di Eataly, la catena di negozi che vendono i prodotti alimentari Made in Italy nelle città italiane e straniere. Il cambio di governance è stato approvato dal consiglio di amministrazione. Farinetti ha escluso che la nuova governance preluda ad un rimescolamento dell'azionariato e che si prospetti in futuro una vendita: "Il bello deve ancora venire". "Grazie alla sua esperienza ha favorito lo sviluppo dell'azienda, l'attuale focalizzazione geografica e la grande crescita professionale delle nostre persone". "Lascio la presidenza operativa di Eataly, avendo la consapevolezza che si e' compiuto il percorso disegnato con il supporto degli azionisti per rafforzare ulteriormente la societa' nel mondo", dice Andrea Guerra.

Grande Fratello Vip 2020: due concorrenti sono stati insieme, la rivelazione
A decidere chi dei due potrà proseguire la sua avventura all'interno della Casa sarà il pubblico. Salvo Veneziano è uno dei due gieffini che rischiano l'eliminazione dal " Grande Fratello Vip ".


"Nicola, con il quale ho lavorato a strettissimo contatto in questi bellissimi cinque anni, e' certamente la persona giusta per guidare la squadra che dovra' compiere l'ulteriore salto evolutivo che Eataly e' pronta a fare". Nonostante una fonte riportata dall'agenzia Reuters dava l'addio del manager nei prossimi giorni, il fondatore di Eataly - confermando l'uscita di Guerra - ha però fatto capire che il presidente resterà in carica per tutto il 2020. Intervistato dal Corriere della Sera, Oscar Farinetti non ha dato alcuna certezza sulla data dell'eventuale IPO che, dice, potrebbe arrivare direttamente negli USA.

"Eataly non ha bisogno di rastrellare quattrini sul mercato, è in grado di finanziare la crescita tranquillamente con il suo cash flow".

Latest News