Tesla presenterà un'auto elettrica con design made in China

La fabbrica di tesla a Shanghai

La fabbrica di tesla a Shanghai

L'azienda di Elon Musk non è però prima in classifica: in Norvegia ha vinto Volkswagen, con 18.948 veicoli venduti (di ogni genere), appena 150 unità in più rispetto a Tesla. E i dubbi sulle prospettive della società appaiono lontani dopo i forti riscontri di vendite nel 2019 (+50% rispetto al 2018) e gli scenari di forte crescita soprattutto in un mercato importante quale la Cina.

LA SVOLTA DI CYBERTRUCK È stata la presentazione del controverso Cybertruck, lo scorso novembre, a far compiere alle azioni di Tesla il balzo necessario a superare il record precedente, stabilito da Ford nel 1999 con 80,81 miliardi. Quasi quanto General Motors (51,2 mld $ e +8,7% come saldo a 12 mesi) e Ford (36,3 mld $ e +17% negli ultimi 12 mesi) messe insieme. Le consegne di Tesla nel 2019 sono salite a quota 367.500, migliorando del 50% la performance su base annua.

Eros Ramazzotti ingrassato? La risposta del cantante su Instagram
Eros Ramazzotti ha trascorso le sue vacanze natalizie alle Maldive , in compagnia di Aurora e del fidanzato Goffredo Cerza . Il cantante ha voluto così ironizzare e nel contempo rassicurare tutti sulla sua forma fisica.


Solitamente, oggigiorno, le aziende tendono a spostare la produzione in Cina, al fine di contenere i relativi costi, mantenendo nei luoghi di origine la parte di progettazione al fine di garantire comunque alti standard tecnici e di stile, l'annuncio fatto da Tesla segue ancora una volta una filosofia controcorrente che a detta dell'azienda potrebbe tornare utile per ampliare i propri orizzonti nella progettazione dei propri veicoli. Crescita sostenuta attesa anche in Europa. Ulteriori vantaggi del mercato includono il fatto che Tesla, in quanto produttore di veicoli elettrici, è in grado di capitalizzare il fatto che i produttori di auto a benzina e diesel stanno lottando per raggiungere gli obiettivi di emissione europei che obbligano le loro auto a non emettere più di 95 g / km di CO2 entro il 2021 o affrontare miliardi di euro in multe.

Guardando alle sfide di quest'anno, l'analista di CFRA Garrett Nelson ammonisce che la società dovrà convincere anche con i risultati del primo semestre nel 2020 e mostrare di saper resistere all'ondata di concorrenza sui veicoli elettrici negli Stati Uniti, con almeno 25 nuovi modelli che debuttano quest'anno. La volata sarebbe imputabile alla recente corsa a Wall Street dovuta a una serie di successi, come le prime consegne al pubblico cinese di Model 3 prodotti nell'impianto Tesla di Shanghai.

Latest News