Azzolina risponde a Salvini: "Tesi copiata? Non hai mai studiato"

Lucia Azzolina

Lucia Azzolina Altro

E' arrivata la resplica del ministro Lucia Azzolina sulla vicenda sollevata questa mattina dal quotidiano La Repubblica e sulla richiesta di dimissioni chieste dalla Lega.

Azzolina, secondo quanto riportato da Repubblica, avrebbe copiato buona parte della sua tesi al termine della Scuola di specializzazione per l'insegnamento secondario della Toscana, presentata all'università di Pisa dieci anni fa.

La tesi titola Un caso di ritardo mentale lieve associato a disturbi depressivi, un lavoro di quarantuno pagine con ampie parti copiate alla lettera da testi specialistici. Dalla Lega si alza un coro unanime per chiederne le dimissioni, con Salvini che attacca: "Fare peggio del ministro Fioramonti sembrava impossibile".

Il neo ministro dell'istruzione, Lucia Azzolina, ha pubblicato un post su Facebook dove ha parlato della sua visita ad Auschwitz, insieme ad alcuni ragazzi delle scuole italiane e all'Unione delle comunità ebraiche: l'occasione era quella di commemorare le vittime dei campi di sterminio. "Roba da matti. Si vergogni e vada a casa" così il segretario della Lega Matteo Salvini. La replica della ministra, da Cracovia, arriva in serata: "Non fatevi prendere in giro, non é né una tesi di laurea, né un plagio. Ho sentito tantissime sciocchezze in queste ore".

Barcellona club più ricco al mondo, Juve nella top ten
Questa la Top 20: La Juventus è la squadra più ricca d'Italia e una delle dieci più ricche d'Europa. E il gap con i blancos, secondi, è il più largo della storia con 90 milioni di scarto.


Il neo ministro siciliano dell'Istruzione Lucia Azzolina nell'occhio del ciclone. E invece Azzolina ci stupisce: non solo si schiera contro i precari ma ora scopriamo che copia pure le tesi di laurea. "Non ha mai studiato in vita sua e sarebbe strano se le distinguesse". "L'unica cosa che mi dispiace è parlare qui dal viaggio della memoria ad Auschwitz. D'altra parte - ricorda - l'anno scorso il ministro leghista Bussetti non si è presentato e, a maggior ragione, era importante che io fossi qui, oggi".

Tutto nasce dall'articolo in cui si sostiene che Azzolina abbia attinto informazioni per la sua tesi da numerosi manuali, senza citarli, neanche nella bibliografia. E, rivolgendosi ai 5s, continua: "Avete vilipeso il vostro Paese dipingendolo come un focolaio di corruzione?"

In particolare accanto al leader della Lega, si sono schierati tra gli altri, il capogruppo della Camera Riccardo Molinari, l'economista e senatore leghista Alberto Bagnai e la deputata biellese Cristina Patelli. "Ci aspettiamo lo stesso dalla Azzolina, per salvare almeno la faccia, se non il curriculum". "Che la nomina del ministro Azzolina si sarebbe rivelata un disastro per la scuola italiana - prosegue - lo avevamo immaginato, ma il presunto plagio della tesi di specializzazione - dice sempre il parlamentare - aggiunge anche il dolo per aver mentito attribuendosi studi non propri".

Nuova polemica in Italia su un esponente del Movimento 5 Stelle.

Latest News