Coronavirus, il bilancio sale a 213 vittime: a Wuhan morti nelle strade

Coronavirus, italiani di Wuhan tornano a casa, finisce un incubo

Coronavirus, la molisana Lucia Tartaglia ha deciso di non rientrare in Italia: “Non tutti gli italiani hanno scelto di lasciare Wuhan”

Le condizioni dei due turisti cinesi che hanno contratto il virus coronavirus sono stabili. In Italia è tornata riunirsi, anche questa mattina, la task-force costituita dal ministero della Salute. Soltanto ieri i nuovi casi accertati sono stati 1.032 e le morti 37.

Al di fuori dei confini della Cina "abbiamo avuto finora solo 68 casi", ha spiegato il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, "pari all'1% del totale, e nessuno morto".

Bologna-Brescia, Bani regala la vittoria ai suoi. I felsinei superano il Napoli
Il Brescia si trova attualmente appaiato a Genoa e Spal in fondo alla classifica , a una sola lunghezza dal Lecce quart'ultimo. I felsinei hanno avuto la meglio sul Brescia allo stadio Renato Dall'Ara , vincendo per 2-1 dopo lo svantaggio iniziale.


Pessimista - Lo scenario più pessimista si deve al gruppo di ricerca coordinato da Jonathan M. Read, dell'Università britannica di Lancaster ed è pubblicato sul sito MedRxiv, che raccoglie articoli che non hanno ancora superato l'esame della comunità scientifica. Questo comporta una sottostima del numero dei casi. Tra gli italiani a Wuhan c'è però anche chi, come la molisana Lucia Tartaglia di Frosolone, ha detto no decidendo di restare in cina. "Vorrei che anche gli altri Paesi Ue facessero altrettanto e ci coordinassimo tutti quanti". Luigi Di Maio, ministro degli Esteri, ha annunciato in conferenza stampa che arriverà lunedì 3 febbraio in Italia un volo militare atto a rimpatriare l'ottantina di connazionali presenti nella zona di Wuhan, area iniziale del contagio del virus. All'arrivo in Italia, i connazionali seguiranno un protocollo sanitario definito dal ministero della Salute. "Neppure gli Usa lo fanno, le autorità decideranno qual è la forma migliore di sorveglianza, che non sarà necessariamente una quarantena". Intanto gli ospedali sono presi d'assalto dalla popolazione, con alcuni pazienti che hanno dichiarato di aver fatto la fila per due giorni per vedere un medico. Da Wuhan i cittadini italiani potranno partire solo dopo visita medica che escluda problemi, quindi solo se sani. Una volta atterrati saranno subito messi in isolamento.

Latest News