Giulia Bongiorno consiglia a Salvini di non dare l’ok sulla Gregoretti

Giovedì Matteo Salvini a Torino

“Gregoretti”, la linea difensiva di Salvini

Per l'ex ministra per la Pubblica amministrazione del governo gialloverde, "Salvini non ha commesso alcun reato: rallentare lo sbarco in attesa della redistribuzione dei migranti non è sequestro di persona".

"Tutti - ha detto ancora Bongiorno - non fanno che chiedere se salveremo o non salveremo Salvini". Perché? Stando a quanto emerso nelle ultime ore, il leader della Lega sarebbe stato avvertito del fatto che se i suoi dovessero votare per mandarlo a processo, questo potrebbe essere interpretato come una sorta di ammissione di colpevolezza e potrebbe avere un peso in sede processuale, dove non saranno ammessi errori. "Io spero davvero - sostiene la parlamentare leghista - che Matteo Salvini decida di non avallare la linea dell'autorizzazione a procedere nei suoi confronti".

"Sulle scuole ha vinto il buonsenso", ha sottolineato anche il vicepresidente della Provincia e assessore alla Scuola e Cultura, Giuliano Vettorato, che sulla questione Coronavirus si era schierato con Luca Zaia (Veneto), Maurizio Fugatti (Provincia di Trento), Attilio Fontana (Lombardia) e Massimiliano Fedriga (Friuli Venezia Giulia). Per prima cosa prenderà la parola la senatrice Erika Stefani, che illustrerà il voto della Giunta dello scorso 20 gennaio, quando i leghisti votarono per mandare Salvini a processo dietro esplicita richiesta del leader.

Barbara d’Urso lancia una stoccata a Francesco Gabbani: "Manco grazie!"
Lisa offre però lo spunto che permette alla d'Urso di avanzare la candidatura per il Festival di Sanremo . In studio anche Nina Moric , che torna a parlare del suo ex fidanzato Luigi Mario Favoloso .


"Il mio timore non è l'esito del processo ma i tempi. Ma deve tutelare il dovere del ministro di difendere i confini La strada giusta non è rinunciare alla valutazione sull'interesse pubblico: compete solo al Senato". Lui pensa di andare in aula e dimostrare davanti a tutti in tempi brevi che ha ragione. E conclude: "Resto convinta dell'insussistenza del sequestro di persona. Inoltre, i tempi potrebbero essere lunghissimi e c' è il problema di restare bloccati per anni, ostaggi del processo".

"Io ne farei volentieri a meno, pero' essere inseguito da mesi e da anni da qualcuno che vuole risolvere per via giudiziaria quello che non riesce a risolvere per via democratica e' qualcosa che va una volta per tutte fermata".

Latest News