Coronavirus, in Russia due donne fuggono dalla quarantena

Russa fugge da quarantena era in gabbia

Coronavirus, in Russia due donne fuggono dalla quarantena

Risultata negativa ai test del Coronavirus, ma era stata comunque trattenuta in osservazione per due settimane, come prassi. Dopo essere risultata negativa ai test per ben tre volte, e dopo non aver ricevuto dai medici nessuna rassicurazione su un prossimo rilascio, la donna ha semplicemente deciso che era giunta l'ora di andarsene: ha quindi scassinato la serratura magnetica della sua cella e ha tagliato la corda. Ma al quinto giorno di ricovero la donna ha scoperto di essere incinta ed è aumentata la sua paura di contrarre il virus in ospedale dove le procedure di sicurezza lasciavano molto a desiderare.

Una donna di 32 anni è 'evasa' dalla clinica Botkinskaya di San Pietroburgo dove era stata posta in quarantena poiché si era presentata lamentando un mal di gola dopo un viaggio nella provincia cinese dell'Hainan. "Noi invece eravamo in uno stato totale di isolamento: nessun contatto tra di noi e nessun contatto con l'esterno eccetto i dottori". "Era una gabbia, non capisco perché sarei dovuta rimanere", ha raccontato Ilyina al Moscow Times.

Siracusa, precipita un aereo: due morti nello schianto
Si tratta, stando alle prime informazioni, di un ultraleggero della scuola di volo di Catania . La Procura di Siracusa ha aperto un'inchiesta.


A quel punto la donna pensa alla fuga: "Prima ho disegnato una mappa e fatto un piano dettagliato". Quando è calata la sera e il personale medico ha abbassato la guardia, ho provocato un cortocircuito alla serratura magnetica della mia stanza di contenimento e ho aperto la porta. "La nostra Costituzione garantisce la libertà".

Latest News