L'Inter vince contro Beckham in tribunale: Inter Miami costretto a cambiare nome

L'Inter vince contro Beckham in tribunale: Inter Miami costretto a cambiare nome

C’è solo un’Inter: vittoria in tribunale contro Beckham e la MLS, il Miami cambierà nome

Se sul rettangolo di gioco le quattro sberle rifilate al Milan hanno dimostrato che i nerazzurri sono in corsa per uno Scudetto che non è certo più impossibile, un'ottima notizia è arrivata anche da Alexandria, Virginia, dove ha sede l'USPTO, il tribunale statunitense che si occupa di questioni legate a marchi e brevetti.

L'Inter ha vinto la prima battaglia legale nei confronti della squadra di Beckham pronta a iniziare la sua prima stagione in MLS, ovvero l'Inter Miami. L'Inter è molto popolare negli Stati Uniti, avendo partecipato a numerose tournee estive e dal momento in cui le sue gare vengono trasmesse su ESPN +.

Coppa Italia, Inter-Napoli: le probabili formazioni di e dove vederla in tv
Fanno eccezione i soli biglietti già acquistati, prima della determina, da parte di titolari SiamoNoi e soci Inter Club. Questo per evitare che chi ha acquistato il biglietto provi comunque a raggiungere San Siro nella serata di dopodomani.


Dopo il derby il club di Suning ottiene un'altra vittoria, stavolta nelle aule di tribunale: per il suo esordio in MLS, previsto per il 1° marzo a Los Angeles, il club di Beckham potrebbe dover cambiare nome. La società di calcio americana si è rifiutata di cambiare il proprio nome considerando Inter come termine generico.

In particolare, secondo quanto riportato da "law.com", lo "United States Patent and Trademark Office" ha rilevato che la tesi dell'MLS secondo cui ci sono diversi club in tutto il mondo utilizzano il termine "Inter" nel loro nome, non è stata sufficiente a dimostrare che l'MLS stessa avesse una valida proprietà proprio nel nome "Inter". In caso contrario la neonata franchigia sarà costretta ad utilizzare la nomenclatura estesa Internacional Miami CF o usare un'altra abbreviazione, questo perché la legge sui marchi richiede che "un brand sia distintivo, in grado di distinguere il prodotto da quelli della concorrenza per poter essere registrato".

Latest News