Irlanda: spoglio finito, 38 seggi Fianna Fail, 37 Sinn Fein

Terremoto politico in Irlanda lo Sinn Féin diventa primo partito			 0				 		Amedeo Barbagallo		 		del				10 Febbraio 2020	
				Esteri

Terremoto politico in Irlanda lo Sinn Féin diventa primo partito 0 Amedeo Barbagallo del 10 Febbraio 2020 Esteri

Dopo lo storico risultato per il partito della sinistra indipendentista irlandese alle elezioni politiche dell'8 febbraio, l'Irlanda è ora alla ricerca di una maggioranza. Lo ha riferito Irish Times, sottolineando che il partito di Martin perde sei seggi rispetto al 2016, mentre il Sinn Fein ne guadagna 14 e il Fine Gael ne perde 15.

I due partiti di Governo, i liberali del Fianna Fáil e i conservatori del Fine Gael, partito del Premier uscente Leo Varadkar, sono passati dal 24,3% al 22,2% e dal 25,5% al 20,9%. Una "grande coalizione" tra Fianna fáil e Fine gael resta possibile, ma avrebbe bisogno del sostegno di altri partiti e susciterebbe la rabbia degli elettori che hanno scelto il Sinn féin per porre fine al vecchio duopolio. La maggioranza per formare il governo è di 80.

Il tutto nel quadro d'un Paese che, commenta all'ANSA da Dublino il politologo Aiden Corkery, mostra di voler guardare in primis ai suoi "molti problemi interni" e alle disuguaglianze che imperversano malgrado il rilancio della crescita del Pil.

Migranti, Alarm phone: "In 90 alla deriva e la Libia non interviene"
Una notizia alla quale non è stato dato il giusto risalto in termini di dettagli e conseguenze. Nella realtà, però, come è noto, la situazione è profondamente diversa.


Nel fine settimana McDonald ha dichiarato che preferirebbe formare un governo guidato dal Sinn féin con la partecipazione dei piccoli partiti di sinistra, dei Verdi e degli indipendenti. Lo stesso sondaggio ha rivelato che il 65 per cento vorrebbe un aumento della spesa per i servizi sociali. Lo scrutinio non è tuttavia finito, visto che il sistema proporzionale irlandese prevede anche il calcolo delle preferenze successive e all'appello manca circa metà dei 160 seggi in palio. Un numero di candidati piuttosto basso quindi, che si scontra con quello del Fianna Fail, 84 candidati, e del Fine Gael, 82. Molti giovani non possono comprare casa, e gli affitti sono tra i più alti al mondo. Il morale del personale sanitario è ai minimi storici. Radicale su temi come il welfare o la spesa pubblica, ma abile a stemperare gli istinti euroscettici del suo partito e al contempo a rinviare di 5 anni il sogno di un referendum sull'unificazione irlandese alimentato dalle contraddizioni della Brexit, McDonald sembra già a suo agio in un'ipotetica nuova dimensione più istituzionale.

Un'immagine che spaventava una parte dell'elettorato, immagine dalla quale il partito ha quindi cercato di distanziarsi.

Latest News